La Rivista Indocinese | L’arte di viaggiare
351151
page-template-default,page,page-id-351151,page-child,parent-pageid-351149,eltd-cpt-1.0,none,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.6, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

L’arte di viaggiare

E’ passato molto tempo da quando, agli inizi degli anni ’80, i confini dell’Indocina si fermavano in Thailandia, l’unico paese che i turisti potevano raggiungere senza difficoltà. Chi voleva avventurarsi in Vietnam, Laos e Cambogia doveva rivolgersi all’unico operatore turistico italiano,  la GOING di Torino, che aveva stipulato degli accordi con gli enti di stato Vietnamtourism, Laotourism e Phnompenhtourism. Anche solo per ottenere il visto, non c’erano alternative.

Da molti anni ormai in questi paesi, come in Thailandia, sono scomparsi gli enti di stato, trionfa l’economia di mercato e si sono moltiplicate le agenzie turistiche.  Chiunque  può mettersi in testa il cappello con la scritta “operatore turistico” o “agenzia di viaggi”. Internet, poi, consente di presentarsi con poca spesa sul mercato internazionale e, come si dice oggi, “autorefenziarsi” (perdonate questo brutto neologismo). Se il messaggio è accattivante, anche se non si hanno possibilità di riscontro, è facile credere a ciò che si legge.

Poi, arrivando sul posto, si scopre che l’albergo non è quella deliziosa oasi che compariva nelle foto, che il pullman è poco più che una vecchia corriera, che la guida sa dire “buongiorno” ma oltre non sa andare nel suo balbettante italiano, che il “ristorante tipico” è un self-service che offre scadente cucina cinese, e altre sorprese di questo genere. Il viaggio diventa così una frustrante e quasi dolorosa vicissitudine.

La nostra esperienza, di persone che da anni  vivono e lavorano in questi paesi, ci dice, quindi, che occorre essere molto cauti di fronte alle fumose offerte di chi propone sedicenti vacanze “alternative” e mette in vendita pacchetti di viaggio a prezzi stracciati. Nulla, infatti, è mai regalato, neppure in Indocina e come dicevano i nostri vecchi “non si fanno le nozze con i fichi secchi”.  

Il viaggio è un investimento di denaro e di tempo. Il denaro è prezioso, ma oggi, forse, il tempo è diventato ancora più prezioso. I soldi, anche se sprecati, possono poi essere nuovamente guadagnati, ma il tempo, quando lo si è perso, non si può più recuperarlo. Bisogna quindi rendere redditizio questo investimento riducendo i margini di rischio, diffidando del “sentito dire” e pretendendo professionalità  e affidabilità, come avete fatto voi che siete venuti nei paesi d’Indocina rivolgendovi ai migliori Tour Operator italiani e che, quindi, siete affidabili testimoni per raccontare cosa e, soprattutto, come andare a scavare nel passato e nel presente di questi paesi. Il “come” è importante quanto il “cosa”, se non di più, perché anche il luogo più affascinante può diventare odioso se lo si visita in condizioni di disagio per le manchevolezze e carenze dei servizi.

Anche viaggiare è un’arte.

 

error: Content is protected !!