La Rivista Indocinese | Il buddhismo
351536
page-template-default,page,page-id-351536,eltd-cpt-1.0,none,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.6, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Il buddhismo

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Thailandia, Cambogia e Laos, come Sri Lanka e Myanmar, sono paesi in cui si pratica il buddhismo Theravada che significa la “Dottrina degli Anziani”. Nel Vietnam invece si segue la scuola thien del buddhismo Mahayana che significa “Grande Veicolo”.

Gli Occidentali in molti casi non conoscono questa differenza e moltissimi di loro, anche quelli che dicono di essere loro stessi dei “buddhisti”, fanno una grandissima confusione mettendo insieme il Siddharta di Hermann Hesse con il grasso e ridente Buddha Maitreya, il film sul Buddha di Bertolucci e la pagoda Shwedagon, il Dalai Lama e la questua mattutina dei monaci, Roberto Baggio e gli attori di Hollywood.

In tanta ridicola confusione, la via migliore è quella di semplificare le cose partendo dalla vita di colui che venne chiamato Buddha, cioé “Illuminato”. Bisogna allora risalire al VI secolo prima di Cristo, questo straordinario secolo che vide nascere anche Lao-tzu, il “padre” del Taoismo, K’ung-fu-tzu, che noi conosciamo con il nome di Confucio, Pitagora di Samo, Zarathustra, il “deutero” Isaia.

 

error: Content is protected !!