La Rivista Indocinese | Shopping
351372
page-template-default,page,page-id-351372,eltd-cpt-1.0,none,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.6, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Shopping in Thailandia

Volere parlare dello shopping in Thailandia è un po’ come pretendere di scrivere un trattato sulle possibilità di mangiare una pizza a Napoli. Noi ce ne asteniamo.

Leggete le riviste di viaggi, scorrete la rubrica viaggi dei quotidiani, consultate il Web oppure chiedete ad amici e conoscenti e sarete sommersi da consigli, indicazioni e suggerimenti. C’è chi vi  segnala i luoghi più “sicuri”, chi vi svela i trucchi per fare scendere il prezzo, chi vi assicura sul luogo in cui fare l’acquisto migliore, chi vi mette in guardia contro le truffe nascoste sotto il prezzo conveniente, chi vi dice cosa comperare e cosa non si deve comperare. C’è da restare storditi.

Noi non abbiamo nulla da aggiungere a tanto sapere. Possiamo solo invitarvi a fare la semplice riflessione che sono ormai tramontati i tempi in cui si barattavano perline in vetro colorato con barre di argento. Quando oggi si fa un acquisto è opportuno porsi solo due banali domande: “mi piace?”, “cosa compererei in Italia con questa cifra?” senza troppo preoccuparvi se avreste potuto spuntare altri due o tre dollari di sconto. Lo shopping è un divertimento, non è un business.

Anche se ormai sono giunti anche articoli importati dall’estero, qui domina l’artigianato e la piccola produzione locale e la varietà e la qualità degli articoli in vendita è tale da invogliare chiunque a spendere qualcosa per portare a casa un autentico souvenir Made in Thailand.

Non avete altro che l’imbarazzo della scelta fra i mercati di Chiang Mai e di Chiang Rai, gli Shop Center e le boutique di Bangkok, le vie di Pat Pong o i negozi e le bancarelle di Ko Samui, di Phuket e di tutte le altre località.

Ponetevi solo il limite del peso del bagaglio che potrete imbarcare sull’aereo per il viaggio di ritorno in Italia: le compagnie aeree sono diventate ormai molto severe e le tariffe per l’eccesso bagaglio sono piuttosto salate.

 

error: Content is protected !!