La Rivista Indocinese | ANCHE LORO HANNO IL DIRITTO DI ANDARE A SCUOLA
354399
post-template-default,single,single-post,postid-354399,single-format-standard,eltd-cpt-1.0,none,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.6, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Abito da anni nel “Villaggio del Bosco di Sesamo”, Phum Prei Lonhor, nell’estrema periferia di Phnom Penh, dove ancora le risaie si difendono dall’assalto dei capannoni delle manifatture che confezionano abiti e calzature per le grandi Firme, come Nike, Adidas, Puma, Armani, etc. I salari si aggirano sui 200 dollari mensili.

La gente è povera, i redditi sono bassi, ma tutte le bambine e i bambini vanno a scuola. Frequentano la scuola statale che è gratuita ma per andare a scuola servono delle cose che molte famiglie non hanno la possibilità di acquistare.

Da cinque anni, nel mese di ottobre, organizziamo la nostra “Festa dei bimbi” per dare a tutti i bambini e le bambine camicia, gonna o pantaloni della divisa scolastica, un paio di sandali, i quaderni, le penne, gessetti e righelli, etc. etc.

Quest’anno gli scolari saranno 172.

Molti appartengono a famiglie povere, molto povere e spesso i modesti salari non sono sufficienti per nutrire tutti; ogni anno dobbiamo quindi acquistare almeno 24 quintali di riso e distribuirli fra i più bisognosi per provvedere ai loro bisogni alimentari.

Dobbiamo anche acquistare almeno 40 bidoni di larvicida Abate da spargere nelle acque stagnanti per prevenire la diffusione della febbre Dengue.

Dovremmo anche rifare i gabinetti della scuola, ormai insufficienti, e rendere più praticabile la strada d’accesso, che nella stagione delle piogge è sommersa dall’acqua e dal fango.

I bisogni sono enormi ma siamo finora riusciti a fare fronte a quelli più impellenti grazie alla fraterna solidarietà di alcune amiche e amici italiani.

Non siamo una ONG ma un semplice comitato spontaneo e abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Essendo io l’unico che gode di un decente salario mensile ne sono “irresponsabile” garante, anche davanti alla banca cui spesso dobbiamo chiedere delle anticipazioni di denaro.

L’anno scorso abbiamo ricevuto 3.347 dollari che ci hanno consentito di coprire parte delle spese. Quest’anno i bisogni sono molto maggiori e speriamo di potere ricevere un aiuto più consistente.

Se volete darci una mano scrivete a claudiobussolino@gmail.com e mandate il vostro contributo a:

Beneficiario     CLAUDIO BUSSOLINO – CHAN SOPHI
                        Phum Prei Lonhor – Phnom Penh – Cambogia (Kampuchea)

Banca             ACLEDA BANK PLC-DE

                       Head Office – Phnom Penh – Cambodia

BIC/SWIFT     ACLBKHPP  (corrisponde al IBAN richiesto dalle Banche italiane)

Conto              00012055053318

Casuale versamento          Solidarietà al villaggio di Phum Prei Lonhor

Se inviate del denaro vi prego comunque di scrivermi perché possa mandarvi poi un resoconto di cosa abbiamo fatto e di come abbiamo speso i soldi.

 

AUTHOR: Claudio Bussolino
2 Comments
  • Dario Martino

    Ciao Claudio,
    come sempre la Tua sensibilità insieme a quella degli “amici” italiani e cambogiani che vivono lì è “FORTEMENTE VIVA” e mirata a dare quell’aiuto quotidiano che i Villaggi di tutto il Mondo meriterebbero.
    In attesa di poter tornare in Cambogia, un caro saluto a tutti e un impegno a raccogliere quello che si può per poter dare il nostro Aiuto!!

    15 Settembre, 2017
    • Caro Dario, grazie.Spero vivamente che tu possa presto tornare qui, con noi,in Cambogia.

      25 Settembre, 2017

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!